Bodo Glimt – Roma, VERGOGNA

Avrei potuto immaginare tutto, ma non che Bodo Glimt – Roma, partita del girone di Conference League potesse entrare nella storia della nostra Roma.

Una partita inutile se vogliamo, anche una sconfitta non avrebbe cambiato quasi nulla nelle sotto del girone. Ma noi no, siamo riusciti a fare molto di più che perdere. Siamo riusciti a farci umiliare, a prendere 6 goal da una squadra che vale forse la serie B italiana.

Solitamente sono contrario a rivoluzionare le squadre con un turnover troppo spinto, perché si perde identità e difficilmente riesci a fare bene. In questo caso invece ho pensato che Mourinho facesse bene, in fondo non si rischiava quasi nulla e tra pochi giorni c’è il Napoli. Non avrei mai immaginato di vedere questo.

Sei goal… come contro il il Barcellona nel 2015, solo che stavolta non c’era davanti Messi, ma un gruppo di ragazzotti volenterosi che non credevano nemmeno loro a quello che stava succedendo.

Tanto per far capire contro chi abbiamo perso, Bodo è una grigia e fredda cittadina dell’estremo nord della Norvegia. Poco più di un paese, 55.000 abitanti, tanti quanti Anzio per far capire le proporzioni.

Per chi non lo sapesse ecco dove si trova Bodo

Aspettiamo le scuse, scuse nei confronti di 400 ragazzi che hanno speso soldi e hanno fatto una trasferta improponibile per vedere questo schifo, ma anche nei confronti di tutti i tifosi della Roma che non ne possono più di vedere imbarcate ed umiliazioni.

Pensavamo che con Mourinho non sarebbe più successo, che si poteva perdere, che non siamo una squadra che può vincere il campionato, ma ci sentivamo garantiti dal punto di vista mentale Invece niente.

Non si può parlare di singoli, e nemmeno tanto di turnover perché la Roma la metà dei goal li ha presi con Abraham, Pellegrini, Mikytarian, Cristante, Rui Patricio, Ibanhez in campo, e questi sono titolari.

Questa onta non si laverà mai, stasera siamo riusciti a far entrare nella storia Bodo Glimt – Roma.

Messaggio per Mourinho: adesso è il momento di farci vedere la differenza tra lo SPECIAL ONE e un allenatore normale, perché altrimenti è inutile parlare di progetti, di futuro. Noi aspettiamo il futuro, siamo pazienti, sono anni che aspettiamo. Ma il futuro non deve passare per questo presente!

Check Also

Roma Milan halloween

Roma – Milan, ecco perchè in fondo è una partita scudetto

Una chiave di lettura provocatoria della partita di stasera. Roma Milan che in caso di vittoria potrebbe accendere un sogno.

Cagliari - Roma, le pagelle

Cagliari – Roma, le pagelle: Tanto cuore, tanto carattere e tre punti che pesano.

Intervista Mazzarri Ad un certo punto si era davvero messa male. La Roma è andata …

Lascia un commento